ITL424 — HISTORY OF THE ITALIAN LANGUAGE

Go to the homepage of ITL424 and ITL511

Site map of campo7


Review sheets: a measure of the relevance of all topics and readings

This page contains a list of the topics presented in each class, with an indication of their approximate relevance for the final exam. This way you can study intelligently and make the best use of the time that you have available for this class. The importance of each topic is marked with 0-3 stars:
(***) = indispensable (60-70% of exam questions from these topics);
(**) = very important (25-35% of exam questions from these topics);
(*) = important (5-10% of exam questions from these topics);
no star = less important (no exam questions or just bonus questions from these topics).
The same system is also applied to the required readings assigned each week.

This page was last updated on Dec. 5, 2006.
All topics and readings from weeks 2-14 are listed and classified here.

Back to the top

Week 2 (Sept. 12)

Topics
- Presentazione del corso e introduzione generale.
- Attività di gruppo sul tema della pianificazione delle lingue.

Readings
- (*) "Devoid of Content" di Stanley Fish.
- (*) "Language Born of Colonialism Thrives Again in Amazon di Larry Rohter.

Back to the top

Week 3 (Sept. 19)

Topics
- Annunci e compiti. Fonti e bibliografia relative ai temi ed agli appunti di questa presentazione. Introduzione.
- (***) La linguistica, il linguaggio. La linguistica come disciplina descrittiva.
- (***) La linguistica: idee e definizioni. Elemento comune a tutti i linguaggi. Esempi di linguaggi.
- (***) Tutti i linguaggi sono manifestazioni di un unico sistema?
- (**) "Did the Cat Really Say 'I Want to Be Alone'? Sorry, It Said Meow" By Donald G. McNeil Jr., NYT, Sept. 7, 2004.
- (*) La parola bello. La filosofia del linguaggio (Dario Antiseri). Assurdità e paradossi nella lingua. Teorie e modelli del linguaggio.
- (*) La signora Lee e le totalità illegittime (tratto da Antiseri). La perpetua ambiguità del linguaggio.
- (**) Platone, Cratilo (IV secolo a.C.).
- (*) La filosofia sofistica: il potere della retorica secondo il Gorgia di Platone (IV secolo a.C.).
- (*) Lo zen e l'arte della manutenzione della motocicletta (Robert M. Pirsig, 1974).
- (*) Parola e verità nella filosofia e nella religione. Il potere della parola nella Bibbia. La perdita del potere della parola: Babele. La Pentecoste (Atti 2.2-8).
- (*) Le parole comunicano l'essenza delle cose? Dante, Vita nuova, cap. 24.

Readings
- (*) A scuola l'italiano diventa popolare.
- (*) Il celebre linguista compie settant'anni.
- (***) Modulo 6, "Parole vecchie e parole nuove", paragrafi 6.1-6.2, pp. 107-110.
- (*) Modulo 6, "Parole vecchie e parole nuove", paragrafo 6.3, pp. 110-111.

Back to the top

Week 4 (Sept. 26)

Topics
- Annunci e compiti. Fonti e bibliografia relative ai temi ed agli appunti di questa presentazione. Introduzione.
- (**) Le metafore dei linguisti per descrivere le parole: i "minuscoli organismi" di Alfredo Panzini. Luca Serianni. Il nonno di Sandro Veronesi. Giovanni Nencioni, "Autodiacronia linguistica: un caso personale" (1988).
- (**) Parole invecchiate: gli arcaismi.
- (**) L'italiano scritto e l'eredità del Rinascimento. Aulicismi di inerzia.
- (*) La lettera di Totò, dal film Totò Peppino e la malafemmina (1956). Nerone (1930), di Ettore Petrolini. Il registro aulico nel discorso di un invitato a un matrimonio.
- (***) "L'antilingua" (Italo Calvino, Il Giorno, 3 febbraio 1965.
- (**) Gli arcaismi nella prosa letteraria.
- (*) Baldesar Castiglione, Il libro del Cortegiano (1528).
- (**) Gli arcaismi nella lingua poetica e nella prosa. Esempi di arcaismi nella lingua corrente.
- (***) Arcaismi semantici. Arcaismi morfologici e grafici. Arcaismi sintattici: accusativo con l'infinito.
- Conclusione.

Readings
- (*) Intervista al professor Ugo Vignuzzi, ordinario di dialettologia alla Sapienza.
- Lessico: la lingua dei giovani.
- (**) Modulo 6, "Parole vecchie e parole nuove", paragrafo 6.4, pp. 111-112.
- (*) Modulo 6, "Parole vecchie e parole nuove", paragrafi 6.5-6.8, pp. 113-120.
- (***) Modulo 6, "Parole vecchie e parole nuove", paragrafi 6.9-6.10, pp. 120-125.

Back to the top

Week 5 (Oct. 3)

Topics
- Annunci. Introduzione generale. Review sheets: descrizione e indicazioni per l'uso.
- (*) Parole nuove (neologismi): flussi e riflussi.
- (*) Il lemma macchina e l'evoluzione del suo significato nel tempo.
- (*) La conoscenza della lingua, le etimologie.
- (**) Neologismi derivativi o di combinazione. Archivi disponibili su Internet. Modismi, tormentoni.
- (***) Parole in prestito (forestierismi). Il nazionalismo fascista e l'autarchia della lingua. Il neopurismo di Bruno Migliorini. La lingua va dove vuole: Eco, Nencioni.
- (**) Retaggio della tradizione puristica. Prestiti non adattati. L'italenglish. Anglicismi e termini inglesi in uso nella lingua italiana. Manifesto in difesa della lingua italiana. Totti c'è: comicità involontaria.
- (*) Andrea Camilleri e il siciliano. I Simpson e l'italiano contemporaneo.
- Struttura e contenuti del compito scritto sul lessico.

Back to the top

Week 6 (Oct. 10)

Topics
- Group activities.

Back to the top

Week 7 (Oct. 17)

Topics
- Piano della lezione. Annunci. Fonti di questa presentazione.
- (**) La nostra idea del latino. Il latino di età romana: una sola lingua?
- (**) La crisi dell'impero romano e l'avvento del cristianesimo. Il latino e il cristianesimo. L'italiano come naturale evoluzione del latino volgare.
- (*) Il latino volgare. Appendix Probi (III secolo d.C.). Le iscrizioni murali di Pompei. Altre fonti della nostra conoscenza del latino volgare.
- (**) Dal latino all'italiano: il lessico. Esempi di allotropi.
- (*) Il passaggio dal latino alle lingue romanze: la fonetica, il vocalismo, il consonantismo. Gli articoli; il lessico di matrice cristiana.
- (**) Il latino nel medioevo; tra latino e volgare. Primi documenti del volgare. Il latino e la riforma di Carlo Magno. Primo esempio di volgare italiano in documenti ufficiali.
- (***) L'influsso del latino nel tempo.

Readings
- (*) Modulo 1, "Alle radici dell'italiano", paragrafo 1.1, pp. 13-14.
- (*) Modulo 1, "Alle radici dell'italiano", paragrafo 1.2, pp. 14-18.
- (*) Modulo 1, "Alle radici dell'italiano", paragrafi 1.3-1.4, pp. 18-21.
- (**) Modulo 1, "Alle radici dell'italiano", paragrafi 1.5-1.6, pp. 21-23.
- (*) Modulo 1, "Alle radici dell'italiano", paragrafo 1.7, pp. 24-26.
- (**) Modulo 1, "Alle radici dell'italiano", paragrafi 1.8-1.10, pp. 26-30.

Back to the top

Week 8 (Oct. 24)

Topics
- Piano della lezione. Annunci. Fonti di questa presentazione.
- (**) Dal latino in italiano: comparativi e superlativi, deverbali gerundivi.
- (*) Dal latino in italiano: cursus honorum, unicum, placet, plenum. Altri esempi.
- (*) L'influsso del latino in italiano, per il tramite di altre lingue europee (xenolatinismi). Il lessico intellettuale.
- (*) Il latino nella letteratura. Tra italiano e latino: esempi di mescolanza e fusione tra le due lingue. Il Baldus di Folengo: il latino maccheronico. Quer pasticciaccio brutto de via Merulana (1957).
- (**) L'italiano e il fiorentino. Tratti del fiorentino trecentesco che si sono trasmessi alla lingua italiana. Tratti dell'italiano di origine genericamente toscana.
- (**) L'italiano e il toscano. Tratti passati dal fiorentino all'italiano negli ultimi due secoli. Tratti del fiorentino e del toscano che non sono mai passati nell'italiano.
- (*) Storia del fiorentino da volgare municipale a lingua nazionale a vernacolo. La prima testimonianza del fiorentino. Il successo del fiorentino e dei volgari toscani. Il fiorentino e la borghesia comunale. Il fiorentino nelle corrispondenze epistolari. L'italiano e gli epistolari privati e commerciali.
- (***) Il lessico finanziario moderno, le sue origini.
- (*) Libri di famiglia, ricordi.
- (**) Cambiamenti quattrocenteschi nel fiorentino.

Readings
- (*) Modulo 2, "Italiano e dialetti", paragrafi 2.1-2.2, pp. 33-36.
- (**) Modulo 2, "Italiano e dialetti", paragrafo 2.3, pp. 36-38.
- (*) Modulo 2, "Italiano e dialetti", paragrafo 2.7, pp. 42-43.

Back to the top

Week 9 (Oct. 31)

Topics
- Piano della lezione. Annunci. Fonti di questa presentazione.
- (**) La grammatica di Leon Battista Alberti. Lorenzo de' Medici. Pietro Bembo e il fiorentino trecentesco. La politica culturale del governo fiorentino.
- (***) Alessandro Manzoni e i Promessi sposi. Il toscanismo e l'italiano nazionale. Il toscanismo nella letteratura ottocentesca. Toscanismi passati all'italiano in epoca moderna. L'influenza normativa del fiorentino sull'italiano.
- (***) Dante "padre della lingua". I meriti di Dante. L'influenza di Dante.
- (**) Dante e il fiorentino del suo tempo. Dante e la lingua.
- (*) La prosa del Convivio. De vulgari eloquentia: latino e italiano. Il peso e la funzione del volgare nella Commedia. Le fonti del volgare della Commedia. Il realismo di Dante.
- (**) L'impatto della Commedia sull'italiano. La distanza tra la nostra lingua e quella di Dante. La fortuna di Dante (nella critica e nella linguistica) e il Risorgimento.
- (*) Eulogos. Semplificazione del linguaggio burocratico. Strumenti di analisi. Lessici di frequenza per l'italiano. Vocabolario di Base della lingua italiana.
- (**) Analisi lessicale: Dante, Inferno, canti 1-5.

Readings
- (*) Modulo 4, "Le lingue speciali e l'italiano della comunicazione", paragrafi 4.1-4.3, pp. 69-72.
- (**) Modulo 4, "Le lingue speciali e l'italiano della comunicazione", paragrafi 4.4-4.9, pp. 72-79.
- (*) Modulo 4, "Le lingue speciali e l'italiano della comunicazione", paragrafo 4.10, pp. 79-81.

Back to the top

Week 10 (Nov. 7)

Topics
- Piano della lezione. Annunci. Fonti di questa presentazione.
- (***) Pietro Bembo, Aldo Manuzio e la lingua italiana.
- (**) Le edizioni aldine di Petrarca e Dante. L'edizione aldina delle rime di Petrarca, a cura di Pietro Bembo.
- (*) Gli Asolani di Bembo. Bembo e il modello di Boccaccio. La prima redazione degli Asolani. Le edizioni a stampa degli Asolani (1505, 1530).
- (**) Le prose della volgar lingua (1525). La marginalizzazione di Firenze. Imitazione ed emulazione.
- (*) Le Prose e il fiorentino. Il rapporto tra latino e volgare. Le origini della poesia italiana. Imitazione-emulazione. Norme bembiane. La grande diffusione delle Prose.
- La lessicografia e i vocabolari: terminologia.
- (*) L'Accademia della Crusca. Il Vocabolario della Crusca.
- La lezione del Vocabolario della Crusca.

Readings
- (**) Modulo 8, "Dizionari per ogni esigenza", paragrafi 8.1-8.2, pp. 147-149.
- (*) Modulo 8, "Dizionari per ogni esigenza", paragrafi 8.3-8.10, pp. 149-160.

Back to the top

Week 11 (Nov. 14)

Topics
- Piano della lezione. Annunci. Fonti di questa presentazione.
- (**) Alessandro Manzoni e la sua rivoluzione linguistica. In morte di Carlo Imbonati (1806). Manzoni prima e dopo la conversione. Gli Inni sacri. Tratti della lingua della poesia ottocentesca. Lessico poetico di Manzoni.
- (*) Marzo 1821. Il 5 maggio. La Pentecoste. Le tragedie di Manzoni.
- (**) Dalla poesia alla prosa. Fermo e Lucia. Che cosa significa scrivere bene. Il programma di Manzoni. Lo stile del Fermo e Lucia.
- (***) La riscrittura del romanzo. Manzoni e il toscano. La prima edizione dei Promessi sposi. Evoluzione dei Promessi sposi.
- (***) Sentir messa.
La riscrittura del romanzo, dalla prima alla seconda edizione. L'edizione definitiva dei Promessi sposi.
- (***) Le osservazioni di Cesare Cantù. Le critiche nei confronti di Manzoni. Lo stile dei Promessi sposi. L'atteggiamento del Manzoni nei confronti del fiorentino. Il fiorentino vivo e l'italiano nazionale.
- (*) Microvarianti. Fonetica e morfologia. Lessico. Ordine delle parole. I promessi sposi (1827). I promessi sposi (1840). La storia della colonna infame (1840).

Back to the top

Week 12 (Nov. 21)

Topics
- Piano della lezione. Annunci. Fonti di questa presentazione.
- (*) La lettera di Manzoni a Giacinto Carena. Il trattato Della lingua italiana.
- (***) La commissione Broglio. Dell'unità della lingua e dei mezzi di diffonderla. Il nucleo fiorentino della commissione Broglio.
- (**) La questione della lingua: Capponi, Ascoli. Debolezze della proposta manzoniana.
- (***) L'unificazione linguistica della nazione italiana. La politica dell'istruzione nel secondo '800.
- (**) La politica dell'istruzione e i pregiudizi del positivismo. Cesare Lombroso, crimine e alfabetizzazione.
- (**) La politica dell'istruzione nell'Italia ottocentesca. Primi voli, Libro di lettura per la Scuola Popolare (Firenze 1911).
- (*) Evoluzione del panorama linguistico. La diffusione della lingua.
- (*) Letteratura di consumo, letteratura di massa. Caratteristiche della letteratura di consumo.
- (*) Carolina Invernizio (1858-1916). Il figlio dell'anarchico (1901).

Readings
- (**) Modulo 3, "Scritto e parlato".

Back to the top

Week 13 (Nov. 28)

Topics
- Piano della lezione. Annunci. Fonti di questa presentazione.
- (*) Alcuni esempi di letteratura di massa tra passato e presente. Caratteristiche della letteratura di consumo.
- (*) Carolina Invernizio (1858-1916). Il figlio dell'anarchico (1901).
- (**) Carolina Invernizio: il pubblico, i temi. Le chiavi di lettura. Letteratura e società.
- (***) Il bacio d'una morta (1886). Lo stile.
- (**) Liala e il romanzo rosa del ventesimo secolo. Le costanti della sua narrativa. I personaggi. Un cuore sulla vela (1949).
- (*) Il fotoromanzo: le origini. "Io so che hai ucciso" (Bolero Film, 1964). "Amore in alto mare" (Bolero, 1980).

Back to the top

Week 14 (Dec. 5)

Topics
- Piano della lezione. Annunci. Fonti di questa presentazione.
- (*) I fumetti e la loro storia in Italia. Il periodo tra le due guerre. La scuola italiana del fumetto. Le strisce. Bonelli. Il mercato italiano. Il lascito dei fumetti nella lingua italiana: Paperone. Fumetti e letteratura in Italia. Le parodie letterarie di Topolino. Le onomatopee dei fumetti italiani. "Topolino e l’oro confederato" (2001). La lingua di Tex. Martin Mystère. Martin Mystère e il segreto di San Nicola. Andrea Pazienza (1956-88). "Andrea Pazienza e la lingua del fumetto" di Mirko Tavosanis.
- (**) Le peculiarità del parlato. Mimica e prossemica. Gesti ostensivi. Deittici. Deittici testuali. Presupposizione. Processo di collaborazione. Competenza pragmatica.
- (***) L'italiano parlato: il parlante. I livelli di formalità. La tendenza alla semplificazione. La semplificazione dei tempi verbali. La semplificazione dell'uso dei pronomi. Dislocazione a destra o a sinistra. Posposizione del soggetto. Frasi scisse. Mancata concordanza di soggetto e verbo. Locuzioni colloquiali, familiari, gergali o di diffusione regionale. Progressiva affermazione di tratti un tempo considerati tipici del parlato.
- (*) La nascita di una lingua parlata unitaria. La testimonianza di Alessandro Manzoni. Ugo Foscolo sull'importanza del parlato nella questione della lingua. Carlo Tenca sul rapporto tra italiano e dialetto nella lingua parlata a Milano, nel 1876. Policentrismo nello sviluppo dell'italiano nazionale.
- (*) Tipologia degli "errori" più comuni nell'italiano di oggi. L'errore. L'ortografia. Ortografia non normalizzata. Morfologia.

Readings
- (**) Modulo 5, "L'italiano e le altre lingue".

Back to the top



This web site is owned and managed by Dr. Andrea Fedi, Dept. of European Languages, University of Stony Brook (NY). © 2006